Maledetto drink (vogliamo parlarne?)

18 Marzo 2012, Categoria: Senza categoria, Commenti [ 1 ]

Mi capita spesso la sera, vagabondando per i canali televisivi, di imbattermi (e gustare) film antichi, anche in bianco e nero. Quello che mi stupisce sempre in queste vecchie pellicole, è l’ossessiva presenza del fumo. Tutti, uomini e donne, vecchi e ragazzi, se ne stanno continuamente con la sigaretta in bocca. Con aria provocatoria le attrici, con piglio virile gli attori, inalberano il tubetto velenoso come un accessorio indispensabile al loro aplomb e alla loro vacillante sicurezza. E i grandi e disonesti produttori di tabacco pagavano cifre da capogiro agli attori disposti a comparire con la sigaretta in bocca. Sylvester Stallone si prese 500 mila dollari per fumare in cinque suoi film e Paul Newman (proprio lui!) ebbe un’ auto da 42.000 dollari per fumare nel film Harry & Son. Accanto  a quest’orgia tabagistica si notava, soprattutto nei filmati di origine angloamericana, anche il continuo ricorso agli alcolici. Leggi il resto di questo articolo »


Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT

Tra cani e gatti, gli uccellini

26 Febbraio 2012, Categoria: Natura in città, Commenti [ 0 ]

Da moltissimi anni gestisco nel terrazzino di casa mia unamangiatoia in cui d’inverno offro cibo agli uccellini affamati.

Il menu principale di questo ristorante per uccelli ècostituito da semi di girasole, pezzi di grasso, mele spaccate in due e soprattutto briciole di torte e di biscotto che fanno la felicità di pettirossi e cinciallegre, passeri e cinciarelle, capinere e occhiocotti.

Il mio barboncino Robin, con l’intelligenza imbarazzante propria dei cani della sua razza, se vede che prendo in cucina deibiscotti da sbriciolare per la mangiatoia, mi segue subito, molto interessato, per approfittare delle briciole che cadono sul pavimento del terrazzo.

Leggi il resto di questo articolo »


Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT

Un necrologio diverso

15 Febbraio 2012, Categoria: Senza categoria, Commenti [ 2 ]

Mi piacerebbe, una volta, leggere un necrologio così concepito:

E’serenamente spirato, circondato dell’affetto dei suoi cari, l’Ingegnere Pinco Pallino

Ne danno il triste annuncio la moglie Filomena, i figli Carlo con Annarita,Genoveffa con Luigi e figli, Armando e Cesira.Un ringraziamento particolare alla fedele Fabiana che l’ha assistito con affetto e al cane Bob che ha allietato gli ultimi anni della sua esistenza. Ecco, in un mondo in cui gli animali domestici sono oggetto di trattamenti schizofrenici che vanno da ignobili torture a passioni eccessive e consumistiche, credo che ai cani e ai gatti, canarini e pesci rossi, coniglietti e criceti, vadano riconosciuto meriti che molti umani non hanno. Leggi il resto di questo articolo »


Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT

Sapiens davvero?

21 Dicembre 2011, Categoria: Ambiente, Commenti [ 2 ]

Il grande Carlo Linneo, che nel suo Systema Naturae del 1758 definì la specie umana con la lusinghiera denominazione di Homo sapiens, dovrebbe rivoltarsi nella sua tomba posta nella cattedrale di Uppsala. Almeno a giudicare dai comportamenti dell’umanità di fronte alla catastrofe ecologica che si sta addensando sul Pianeta.

Mentre i demografi più seri e consapevoli mettono in guardia su una spasmodica e inarrestabile crescita della popolazione, che ha aggiunto quest’anno i 7 miliardi (erano solo 3 appena cinquant’anni fa) e marcia verso un traguardo di 9/10 miliardi tra meno di cinquant’anni, la specie del Sapiens continua a pullulare. Leggi il resto di questo articolo »


Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT

Dopo il Ruanda!

3 Dicembre 2011, Categoria: Senza categoria, Commenti [ 1 ]

La notizia che l’Italia sia ancora scesa nella lista di Transparency International  delle Nazioni più corrotte del mondo dopo il Ruanda, mi induce ad alcune considerazioni.

Già al 33° posto nel 1995, al tempo di Tangentopoli, la caduta del nostro Paese nel baratro della corruzione è stato continuo e inarrestabile, facendoci occupare oggi il 69° posto, con gravissime conseguenze non solo nel prestigio internazionale  ma anche nel settore delle nostre produzioni ed esportazioni. Basti pensare ad esempio al crollo continuo della nostra industria automobilistica, crollo peraltro aggravato negli ultimi anni in cui tutti i nostri telegiornali si esibivano in pubblicità gratuite alle case automobilistiche straniere, vedi quelle tedesche, i cui marchi comparivano continuamente sulle  vetture presidenziali e ministeriali di un governo cui poco o nulla importava la salute delle nostre aziende.

Leggi il resto di questo articolo »


Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT

“La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino”.

21 Novembre 2011, Categoria: Ambiente, Commenti [ 0 ]

 “La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino”.
L’articolo 52 della nostra Costituzione parla  chiaro.
Così come l’articolo 9 che recita: “La Repubblica tutela il paesaggio”.
Prendendo lo spunto da questi due pilastri della nostra democrazia, mi sia consentito fare qualche considerazione basata sulle notizie riguardanti la cosiddetta Legge sulla Stabilità 2012 in discussione in Parlamento.
Per la difesa della Patria contro eventuali nemici esterni e per missioni militari sono previsti stanziamenti pari a 23.500 milioni di euro, ponendoci al 10° posto nella lista degli Stati con maggiori impegni nel campo delle spese militari. Leggi il resto di questo articolo »

Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT

I ricchi aiutino i PIGS

14 Ottobre 2011, Categoria: Ecologia, Commenti [ 1 ]

E’ facile e ingeneroso guardare dall’alto in basso, comefanno oggi le due nazioni più ricche e fortunate d’Europa, i paesicompresi nella definizione (poco divertente) di PIGS.

Lascio da parte il Portogallo e l’Irlanda, sui quali mi è difficile fare considerazioni.

Ma per i paesi mediterranei come la Grecia, la Spagna e l’Italia (che i più malevoli a volte sostituiscono all’Irlanda nell’Idell’acronimo) qualcosa mi sento di poter dire.

I due paesi più doviziosi d’Europa, la Germania e la Francia sonobenedetti da Dio. Pianure opime, agricolture fiorenti grazie a climi generosi eregolari, risorse minerarie (vedi, per la Germania, carbone, ferro,idrocarburi, uranio), fiumi ampi e navigabili in gran parte, mari pescosi, industrie possenti, boschi produttivi.

Facciamo adesso il paragone tra i due Paesi europei che detengono l’economia più brillante e guardano con sufficienza gli altri, e laGrecia, la Spagna e l’Italia. Leggi il resto di questo articolo »


Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT

Meduse e indifferenza

24 Agosto 2011, Categoria: Ecomportamento, Commenti [ 2 ]

Tra i tanti recenti fastidi estivi che assillano i bagnanti (oltre  alle orrende moto d’acqua, le pallonate in faccia, le zanzare e le radioline) non si può trascurare quello costituito dalle  meduse.

Un tempo, l’arrivo di uno di questi animali in prossimità della battigia era l’occasione per un eccitante diversivo alla noia che imperava sotto l’ombrellone. E si organizzavano feroci pogrom a colpi di remo o di paletta contro l’innocua cupola gelatinosa orlata di violetto per esorcizzare le improbabili punture causate dai suoi tentacoli. Leggi il resto di questo articolo »


Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT

I dendrofobi del piano terra

25 Luglio 2011, Categoria: Natura in città, Commenti [ 1 ]

Oramai lo schema è classico.
Nei giardinetti di piano terra di tante palazzine romane costruite negli anni 50,
vegetano alberi meravigliosi, sviluppati da quelli che i progettisti e gl’imprenditori piantarono allora per invogliare potenziali acquirenti.
Oggi, come succede ai cani, portati in casa da cuccioli, che una volta cresciuti e divenuti ingombranti si abbandonano in autostrada, la media/alta borghesia dei proprietari dei piani terra, sta procedendo all’eliminazione degli alberi troppo cresciuti.
Contraddistinti, come quasi tutti gli italiani, da un’atavica antipatia per la natura derivante da un passato rurale ancora molto prossimo, i dendrofobi urbani vedono in queste verdi creature dispensatrici di ossigeno e ombra, cinguettio di uccelli e profumo di fiori, frinire di cicale e volo di farfalle, dei nemici da abbattere. Leggi il resto di questo articolo »


Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT

Perchè gli uccelli (e i pesci) mi temono?

22 Giugno 2011, Categoria: Natura in città, Commenti [ 8 ]

Una delle cose che più mi addolora quando vado in natura è vedere il terrore che tutti gli animali selvatici nutrono nei miei confronti.
Iniziamo dagli uccellini che da anni nutro offrendo loro del cibo in una piccola mangiatoia sul mio terrazzo. Non ci crederete: mentre in tutto il mondo, dal Brasile alla Svizzera, dagli Stati Uniti all’Australia gli uccellini non solo non scappano ma addirittura vengono a mangiare in mano, questi, soprattutto passeri, appena mi vedono dietro ai vetri della finestra, volano via terrorizzati, confermando quanto scrisse un ornitologo inglese tempo fa. “In Italia gli uccelli non volano, fuggono”. Leggi il resto di questo articolo »


Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Segnalo
  • Upnews
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Wikio IT